019 – Free Fallin’

Come detto un paio di posts fa, Spalletti trovera’ la quadratura del cerchio. Una rondine non fa primavera (e siamo ancora in pieno inverno) ma fa piacere che il faraone abbia segnato anche in prospettiva italia. Non condivido il lavoro del suo estetista ma questo poco c’entra con il calcio. Anche i rigori che reclama Mancini poco c’entrano con il calcio. Detto mesi fa che l’Inter sarebbe crollata punterei anche 5 euro su Mancini che non arriva a fine stagione. Non so se abbia perso lo spogliatoio ma di fatto la squadra non gira e il suo comportamento e’ imbarazzante. Dannoso alla sua immagine e a quella dell’inter. Giusto senza googolare mi vengono in mente 4 episodi degni del peggiore Conte, o Capello o Mourinho ultimamente offerti dal Mancio.

1- Melo in culo – Felipe Melo, quando ha pesato il suo atto omicida contro la Lazio? Molto perche’ fu accolto ad agosto come “il fedele di Mancini che portera’ piglio ed intensita’”. Trattasi anche di essere umano calcisticamente poco intelligente. Una mitragliatore di cazzate con l’istinto del serial Killer. Alla Juve Ferrara lo accuso’ apertamente di remargli contro. All’inter Mancini ha creduto molto in lui. E’ un suo acquisto. Boh.

2 – Occhio malocchio prezzemolo e finocchio – Mancini e i noti fatti di Napoli. Sembra che lui si senta ancora ferito a nome di tutti gli omosessuali d’italia (con buona pace del Family Day). A me era sembrato un tentativo di destabilizzare l’ambiente Napoli fin da subito e alla sua crociata anti discriminazione non ho mai creduto . Il tutto si e’ rivelato un boomerang.

3 – “Quello lo segnavo anche io”. Delegittimare i propri giocatori non e’ mai una mossa vincente. Chiedete a Mourinho. Di fatto ha dimostrato quanto delegittimato e’ lui stesso dallo spogliatoio. E’ evidente che non c’e’ feeling con Icardi. Il puntero non e’ sereno e sbaglia pure i rigori. Vederlo partire in panchina nel derby ha fatto tristezza.

4- Il mercato farfallino. Guarin va ma forse resta. Capitan panchina va a Liverpool ma anche no, meglio Genova. Arriva Eder, giocatore che definirei alla Amauri – nel senso che fino ad ora ha azzeccato un paio di stagioni qua e la’. Non e’ certo il giocatore di cui dici “lui i gol li ha sempre fatti”.

ci metto pure un bonus:

5 – Distacco dalla realta’. Arrivare quasi a dire che la partita con la Juve e’ stata equilibrata fa tenerezza. Farsi espellere per un rigore che ha visto solo lui fa tristezza. Due espulsioni in 4 partite la dicono lunga su che tipo di condottiero e’.

Penso che sara’ dura per l’inter andare in Champions e molto dura per Tohir pagare tutti i giocatori che ha preso a chiodo senza l’introito massiccio dei diritti TV. Mentre scrivo fioccano i gol (e i rigori sbagliati) a San Siro. Pena per il Mancio? No. Le sue squadre esprimono un non calcio e lui e’ un personaggio antipatico – spesso nervoso e paranoico. Anche il suo gesto di stizza verso Mihajlovic (“fa troppe battute ultimamente”) ha sancito la vittoria psicologica del Serbo.

Il Napoli invece vola. Chiaramente il finocchio gate non ha intaccato l’ambiente. Spero anche io che Conte ci ripensi su Insigne e che lo faccia presto cosi’ almeno si puo’ fare qualche esperimento.

Morata ha iniziato a segnare. Tutti contenti. Zaza un po’ meno. Per lui ora si fa dura. Ancora una volta merito ad Allegri che trovo essere un’allenatore con qualita’ di man management sopraffine. Lui si, farebbe benissimo in Premier League. Conte non so, un po meno. I suoi isterismi verrebbero visti male. Si sa, la gente antipatica la sopporti solo se vincente e lui internazionalmente non ha esattamente brillato.

Ma guardate cosa ha fatto Allegri con Morata. Ha insistito quando tutti dicevano “basta”. Ha detto al ragazzo di stare calmo e sereno. Anche in coppa, quando sembrava palese far giocare Zaza, Allegri ha insistito con lo spagnolo e zacchete: Il ragazzo ha segnato un rigore ad Handanovic (gia’ e’ dura segnare i rigori e figurati contro Handa), poi ha fatto un gol da fuoriclasse e oggi… beh oggi i gol sembravano facili ma bisogna anche apprezzare il movimento, il seguire l’azione. Lui l’ha fatto. Ora la Juve ha un altro giocatore in forma.

Ammetto di non essere stato molto coerente sul’argomento ma onestamente pensavo che Zaza meritasse piu’ spazio. Invece no, Zaza e’ il numero 4 e numero 4 resta.

Il Bayern s’avvicina. Sono curioso ma sostengo che battere il Bayern sarebbe comunque un’impresa titanica. La consapevolezza di questa Juve e’ che abbiamo un allenatore che sa come tirare fuori il meglio dai suoi ragazzi. Se non sara’ abbastanza per battere la squadra di Guardiola nessun altro ci sarebbe riuscito. Visto cosa succede a Milano, Manchester, a Madrid e in quel di Chelsea, non e’ poco.

Annunci

018 – Meglio un figlio ladro… versione 2.0

 

Come previsto da pressoche’ chiunque l’inter si sta sfaldando. Certo sono ancora in corsa per lo scudetto ma quando un’allenatore accusa pubblicamente i suoi giocatori di essere scarsi non e’ un buon segnale. L’inter ha problemi di tutti i tipi:

  • La societa’ – da sempre e’ disorganizzata e hanno problemi di PR (si lamentano anche che Mediaset li e’ sempre contro ma onestamente i pasticci di mercato sono roba loro). Hanno due giorcatori (Ranocchia e Guarin) perennamente sul mercato. Uno tra l’altro capitano. Chiaramente la cosa destabilizza l’ambiente. L’inter e il Milan stanno facendo a gara a chi riesce a farsi infinocchiare meglio a livello internazionale. La faccenda El Shaarawy dimostra con chiarezza che il Milan e’ cosi passato di moda che perfino il Monaco – in constante fase di ridimensionamento – si permette di rovinare i rapporti. Tanto sa che il Milan non bussera’ per i suoi talenti any time soon. Ma se i russi a volte ci capiscono di calcio e’ ancora piu’ imbarazzante la faccenda Luiz Adriano e Guarin. Tutti e due gia’ imballati e forse nessuno dei due parte – pero’ i giornali e le societa’ ne parlano  a mio avviso in modo irresponsabile. Per Guarin sarebbe la seconda volta (dopo il tentato viaggio per Torino). Ti so dire che attaccamento alla maglia deve avere. Se non era per i tifosi nero azzurri poteva essere alla Juve e vincere quasi tutto e invece se ne sta in quel di Milano, sempre inserito in qualsiasi operazione di mercato. In 2 anni passa dalla Juve alla China. Ecco, cioe’ da finalista in Champions League a ex calciatore.
  • Finocchio gate – Si, ho detto finocchio. Dunque. La faccenda Mancini va anche bene, nel senso che ha avuto coraggio, il mondo che conta e’ cambiato e sarebbe ora che anche in italia ce se ne accorgesse. Sarri e’ un razzista? No. Razzismo e’ sostenere che una razza e’ superiore ad un altra, quindi neanche discriminazione e’ necessariamente razzismo. Omofobia non e’ necessariamente correlata al razzismo. Puoi essere “frocio” e pure nazista (come dimostrato da Visconti ne La Caduta degli Dei). Morale? Sarri non e’ neanche omofobo (perche Mancini non e’ gay) ma ha detto una cazzata come si dicono al bar da anni, solo che le cose sono cambiate ed e’ giusto che venga punito. Il fatto che si sia affrettato a difendersi col dire “ho avuto in passato amici gay” dimostra la piattezza intellettuale del personaggio – a disagio in un’arena mediatica a cui non appartiene. Personaggio che se perdente definirei alla Mazzarri, se vincente lo definirei alla Lippi. Non proprio dei simpaticoni. La favola del ragazzo di campagna approdato nel calcio che conta ha le sue controindicazioni. Per esempio nessuno in provincia gli ha mai detto che se lavori per una corporazione (diciamo che un grande club lo e’ al pari della Coca Cola o l’Adidas o qualsiasi grande brand) non puoi dare del frocio a destra e a manca perche’ se ti va bene vieni disciplinato, se ti va male vieni licenziato in tronco e se ti va malissimo pure denunciato (alla Sony lo fanno). Il Napoli non e’ una grande societa’ e ha infatti difeso l’allenatore e i suoi “sani” principi da toscanaccio. Il cambiamento, la denuncia, deve venire da dentro. La FIGC se ne fotte e abbiamo fatto l’ennesima figura di merda planetaria.
  • Mancini – Un’ipocrita antipatico e ignorante. La sua campagna in difesa dei suoi preziosi amici omosessuali sembra piuttosto una campagna per destabilizzare i diretti avversari per la corsa al secondo posto. Ho trovato il suo intervento necessario ma goffo e confusionario (tipo confondere omofobia con razzismo). Tra l’altro lui non ha di che offendersi visto che non e’ omossessuale. Non ha neanche ragione Berlusconi che invoca l’omerta’. Insomma non so, e’ un casino. Che poi Mancini abbia voluto fare il punto della situazione sui diritti umani in italia ok…ma magari poteva consultare un’agenzia di comunicazioni prima o un dizionario. Mr. Coppa Italia era nervoso, Sarri era nervoso – io li manderei entrambi a fare un corso di origami.
  • E quindi l’Inter sul campo – Tranquilli, Felipe Melo ha strigliato la squadra dicendo “ricordiamoci che siamo l’inter”. Eh, infatti. Amarcord Melo, amarcord. Poi lui, che sa come vincere, ti so dire che mentalita’ trasmette. Vidic ha tagliato la corda e Mancini chiede a Sarri di imprestargli Higuain. Ripeto, questa e’ una squadra suicida. Non esiste professione in cui il tuo dipendente fa un lavoro e tu, il padrone, dici “lo facevo meglio io e poi comunque se potessi ti sostituirei con quel dipendente della fabbrica rivale”. Mhmm, sai che voglia mi viene di migliorarmi.

 

Ora per l’Inter sono dolori perche’ prima o poi Spalletti trovera’ la quadratura del cerchio e la Roma qualche vittoria la fara’. La Juve ha giocato al rallentatore, quasi svogliata, come per dire “prima o poi lo facciamo, non c’e’ fretta”. E infatti. Non e’ stata una bella partita contro la Roma ma 11 vittorie di fila incominciano ad essere tante e l’organico sembra in buona salute. Pereyra non ha praticamente mai giocato quest’anno, Asamoah era un signor giocatore prima dell’infortunio e ora un rincalzo che sarebbe titolare in qualsiasi altra squadra della penisola. Lemina fa delle spremute per la squadra a fine primo tempo ed e’ prezioso anche lui. C’e’ pur sempre il caso spinoso di Zaza. E’ dura sentirsi dire che sta facendo benissimo ed essere premiato con la perenne panchina. Ma come dice lui, c’e’ un’allenatore e Allegri sa il fatto suo.

E noto ora il caso De Rossi. Le persone influenti in italia (un uomo di sport lo e’ in qualsiasi nazione) non vogliono cambiare. Alimentano l’ipocrisia e l’ignoranza. Leggo con tristezza da Los Angeles e mi chiedo perche’ De Rossi e’ ancora in Nazionale. Tecnicamente e’ un ex giocatore da almeno un lustro. Non e’ mai stato un buon esempio di sportivita’ inclusa la gomitata al mondiale 2006. Non invoco il codice etico ma una societa’ moderna non puo’ guardare al futuro al grido di “zingaro di merda”. Provo tristezza che Spalletti, Lippi e Allegri si siano affrettati a minimizzare come dire, se ci togliete l’essere omofobi almeno consentiteci il razzismo.

017 – Il sorpasso

“Gioca Di Natale, e’ la sua partita” diceva l’allenatore delle zebrette.  Anche I Rolling Stones sono ancora in tour ma la domanda e’ – frega a qualcuno? La risposta direi e’ NO. Di Natale e’ in campo, l’Udinese presenta pure lo stadio nuovo e la Juve li piastrella 4 gol in 45 minuti. A me Toto’ fa tenerezza (ma mai simpatia) e mi spiace che sia affitto da Tottite acuta. Insomma, fate voi, ma a me piace vedere i campioni dire basta quando sono ancora forti invece di brancolare in un mare di mediocrita’ fino alla soglia dei 40. E’ il caso di Di Natale solo in parte perche’ e’ stato rilevante fino a due anni fa ed e’ sempre stato conscio della sua dimensione Hubner.

il-sorpasso

Di Natale e’ importante per la Juve – spartiacque di un progetto che e’ decollato con il suo rifiuto. Marotta lo ricorda ogni tanto. Fino a cinque anni fa i Di Natale non venivano alla Juve, ora… ora, che dire? Direi che per il sorpasso non e’ una questione di SE ma di QUANDO. Penso che il quinto scudetto sia cosa da Juve. Come detto molte volte l’Inter non ha panchina. E’ anche opinione personalissima che Mancini non sia un bravo allenatore ma potrebbe essere un bravo team manager.

Il Napoli sogna, e’ giusto farlo ma obiettivamente quando senti gente come Buffon ed Evra dire che il posto che spetta alla Juve e’ il primo, beh, tanto caccia palle lor signori non sono. Cioe’, non e’ il De Laurentiis di turno che scappa in motorino dopo un cordiale incontro tra presidenti di Serie A al grido vaffanculo io torno a fare cinema. Non e’ il Viperetta sotto la curva dopo una vittoria con la Vis Pesaro. Se questi due dicono “vinciamo lo scudetto” mah, magari si ma e’ pressoche’ un discorso da Bar. Se alle parole dei senatori Juve aggiungi 10 vittorie di fila ecco che secondo me il sorpasso sia ipotizzabile ad ogni giornata.

Sull’Inter che dire? Direi che la peggiore notizia non e’ tanto il pareggio a Bergamo ma il fatto che la Roma ha preso Spalletti. Se i giallorossi acquistano serenita’ possono prendersi il terzo posto – che e’ il massimo a cui l’Inter puo’ ambire. Generalmente devo dire che la gestione mediatica e d’immagine delle due milanesi e’ una macedonia del peggio che si possa trovare nel mondo. Il Milan ha giocatori che partono per la Cina (ma forse restano). Ha Cerci a caso che scappano dai social media ma sono schiavi di fondi d’investimento e altre associazioni losche. Ha il Monaco dei mafiosi russi che li fa le pernacchie. E quando tutto va bene arriva il pizzaiolo a dire la sua che il portierino vale 40 millioni. Cosi’, giusto per seminare il panico. Ho accennato alla faccenda Mr. Bee (o Bean?) la settimana scorsa. Fa tristezza. E lo stadio? E’ Galliani che si dimette ma poi resta? E’ la Barbara che dalla copertina di Vanity Fair e’ tornata in cucina?

Inter e Milan hanno trovato gli unici due stranieri che non vogliono spendere. L’Inter? Ranocchia e Guarin sono stati venduti a circa 4904720965 squadre e Mancini non manca occasione di buttare sterco su Fredy. Bel motivatore, deve essere molto amato nello spogliatoio. Onestamente, da osservatore esterno mi sembra tutto molto triste.

Film_707w_Sorpasso_original

Ma andiamo in Spagna dove rompere le regole e’ motivo di vanto. I fatti di Madrid sono sconcertanti. In ogni campo lavorativo ci sono regole. Anche nello spaccio di droga o compravendita di armi. Questa di Madrid e’ gente pagata e in teoria qualificata. Ora non posso non credere che ci fosse un disegno (criminale? Si, criminale) preciso che fattorizzava una penalizazione e puntava a non farsi beccare (e poi dicono degli italiani). Capisco, ma anche no, lo schierare un giocatore che non puoi schierare in coppa del re ma e’ ben altra cosa tesserare giocatori che non puoi tesserare. Cioe’ ci sono regole sui minori e cose varie.

Anche in questo Moggi era maestro. Al Torino tessero’ un fottio di Ganesi come lava cessi o qualcosa del genere. Era il 92. Al tempo quello stinco di santo di Matarrese la defini una tratta degli schiavi. Come si dice tratta degli schiavi in spagnolo?

10 su 10. Bravo Marotta e bravo Allegri. Rugani gioca. Zaza in castigo per essere un brontolone. What’s, who’s next?

 

016 – Il cinque maggio della befana

Il cinque maggio e’ arrivato prima del previsto. Perdere 3 partite in casa e’ un ruolino interessante in chiave scudetto. Ritengo che l’Inter debba ricordarsi degli obbiettivi prefissati a inizio stagione: Champions League position. Lo scudetto e’ cosa da grandi. L’inter ha la panchina troppo corta, non ha soldi e giocatori inesperti, non abituati a vincere.

Il fatto che sbandierino ai quattro venti che prima di comprare devono vendere non penso aiuti. Hanno due giocatori che da quando sono all’inter sono perennamente sul mercato. Parlo di Guarin e Ranocchia. Il primo e’ ok ma gia’ trentenne quindi di certo non piu’ di 15 millioni e l’altro e’ Ranocchia – capitan panchina. Un giorno viene accostato al Bologna e l’altro al Liverpool mentre lui sogna la nazionale. Vabbe’.  Con il senno di poi magari invece di spendere 36 millioni su un giocatore dovevano spalmare meglio le risorse anche perche’ c’e’ un’alta probabilita’ che non si qualifichino per la champions e a quel punto saranno dolori visto che tranne Icardi non hanno giocatori appetibilissimi (tipo che lo vendi e ti rifai la squadra) e hanno fatto una campagna acquisti a chiodo. Per i prossimi 3 anni dovranno pagare gli acquisti di quest’anno con il problema che se il mancio non porta a casa neanche la sua amata Coppa Italia sara’ esonero (non quest’anno ma l’anno prossimo) con conseguente ricostruzione della squadra per il nuovo tecnico. Insomma, fare acquisti triennali quando si hanno le pezze al culo mi sembra rischioso. Comunque, vale il proverbiale “cazzi loro”.

Dico solo che Tohir e’ probabilmente l’unico investitore straniero che non vuole metterci soldi e il Milan e’ aggrappato ad un cartone animato di nome Mr. Bee. Mentre clubs della minchia, senza storia come Man City e PSG hanno trovato valange di soldi al punto che il Man City puo’ permettersi Guardiola e Messi. Perfino il Crystal Palace ha trovato investitori americani. Si certo la pay per view ma e’ anche una questione di marcheting. Una maglietta dell’inter or Milan dovrebbe sempre vendere di piu’ di una maglietta del Man City, PSG o Crystal Palace. Se penso che a Madrid si sono messi a rivendere perfino la maglia di Zidane…

In casa nostra. La vittoria numero 9 e’ arrivata. Le cose vanno cosi’ bene che il dibattito piu’ scottantante per noi Juventini e’ quante chances vogliamo dare a Morata. Ecco non so perche’ Zaza non abbia giocato. In tempi moggiani sarebbe stato legittimo parlare di castigo per le parole che ha detto alla stampa “io voglio giocare pero’ c’e’ un allenatore”. Ecco. Simone, cattivo gusto, alla Juve non si fa. Hai firmato per uno squadrone, pensavi veramente di avere le stesse possibilita’ con due che hanno vinto la champions (Manzo e Morata) e uno che e’ costato 40 millioni (Dybala)? Suvvia. Comunque io ti supporto ma dichiarazioni da frignone alla stampa non si fanno.

Prendi esempio da Hernanes. Lui e’ contento di essere disprezzato, si fa ammonire, da la palla agli avversari non batte neanche gli angoli… magari cambia compagno di stanza per le trasferte, no?

Con la Samp siamo partiti quasi alla pari, abbiamo giocato in 10.

Per il resto sono contento per il Napoli, ricordando che lo scontro diretto e’ a Torino. La Fiorentina e’ gia’ dietro, la roma gia’ nello stomaco mentre il Milan e’ gia’ giu’ per il cesso.

Sul caso Quagliarella io dico. Un professionista e’ libero di comportarsi come meglio crede. Esulta non esulta. Affari suoi. Quagliarella non e’ un ragazzino, sa perfettamente che i suoi gesti avranno conseguenze. Personalmente trovo l’attaccamento alle vecchie squadre o alla citta’ natale un sentimento terzomondista. Il calcio e’ un gioco. Ha segnato e basta. Sorridi che la vita va avanti. Ora il quaglia, granata napoletano scarto bianconero, l’ha combinata grossa, destabilizzato i compagni, facendo incazzare la piazza e piangere il suo allenatore. Chiamatemi vecchia maniera ma io credo che la societa’ dovrebbe imporre regole ai suoi tesserati sul comportamento da seguire. E’ un discorso etico ma anche d’immagine. Niente baci dello stemma sulla maglia, niente togliersi la maglietta, niente selfie con il cellulare del tifoso. Non voglio snaturare la passione ma ora Quagliarella e’ fottuto e la cosa e’ triste. I tifosi non lo perdoneranno. Ha dovuto perfino scrivere piu’ di 10 righe su FB.  Lui, che piu’ del messaggino “butta giu’ la pasta che sto arrivando a casa” non aveva mai scritto.

In altre news, Totti ha rassicurato la Roma che non vinceranno per altri 2 anni perche’ lui ha deciso di continuare a giocare. Contenti loro lo siamo anche noi. La Juve diede il ben servito a Del Piero perche’ era un peso e basta. La Roma invece permette al suo capitano di fare quello che vuole. Se permettete e’ piu che una questione di stile.

 

 

 

 

015 – ZzzzzzazaZidane

E’ arrivata la befana ma io stavo dormendo. Fa gol Zaza e mi sveglio al what’appino di mio fratello che dice “via Morata, tieniamo Zaza”.

Dunque, abbiamo vinto con il Verona. Il re magio Marotta e’ a due vittorie dalla profezia. Non posso parlare della partita perche’ non l’ho vista ma ci sono altre considerazioni da fare.

Non sono mai stato tenero con Zaza ma effettivamente sta facendo un percorso molto simile al Vieri Juventino. Anzi, meglio. Lui dice “sono un ragazzo sensibile, mi da fastidio che si parli di mercato”. Vero e ha ragione. Il giocatore che risponde con i fatti merita rispetto. Se lui ha pazienza di restare, allora meglio tenerlo perche’ il ragazzo e’ secondo/terzo nelle gerarchie. E lo capisco, ci sono i garantiti dal cognome esotico e poi ci sono i Zaza. Cioe’, lui parte sempre dalla panca perche’ italiano. Esagerazione? Mica tanto. A Morata sono state date occasioni contro squadre di ogni calibro mentre Zaza gia’ in estate stava sulle palle. Non e’ che Morata faccia malissmo ma c’e’ gente che fa meglio di lui. E’ tempo che si accomodi in panchina e dia molto di piu’ in allenamento. Poi deve entrare alla Zaza e in 3 minuti fare goal. Quello e’ l’attuale standard. A inizio anno, visto la partenza che ha avuto, era palese che il Real se lo sarebbe ripreso. Il ragazzo si riprendera’ (forse) ma al momento c’e’ solo da sperarci che lui torni all’ovile madrileno.

Poco importa che Zidane lo stimi. Zidane non e’ un allenatore. Trovo molto difficile che Zinedine arrivi a giugno e improbabile che allenera’ il Real la prossima stagione. Se lo fara’ e’ per mancanza di gente in circolazione. C’e’ Mourinho, che ha iniziato la sua carriera da Harlem Globetrotter. Va in giro a giocherellare, a spararla grossa perche’ prima le cazzate supportavano il suo spirito vincente ma ora nascondono il fatto che ci siamo tutti stufati di lui – pure i giocatori. Io 10 sterline al Chelsea che si prende il quarto posto le metto. C’e’ Conte che a livello internazionale e’ esaltante meno di Pellegrini o Mancini. C’e’ sto cazzo e poi c’e’ Zidane. Tipo l’anno scorso c’era sempre sto cazzo e ultima risorsa – Benitez.

Rafa era praticamente gia’ licenziato prima ancora di aver firmato tanto e’ vero che e’ stato licenziato 10 giorni prima che scattasse la clausola contrattuale. Quindi ora ha 6 mesi pagati dal Real e non 3.

Zidane non fara’ un percorso alla Guardiola perche’:

  • Guardiola era un centrocampista geometra, Zidane era un interior designer. Ruoli differenti e visione diversa della partita e di intendere il calcio. Pirlo e’ la sintesi tra i due.
  • Non ha personalita’. Alla Juve fu definito piu’ divertente che utile da Gianni. Concordo appieno. Al Real, Mourinho chiese a Zidane di fare il discorso a fine primo tempo in non so che partita e pare che i giocatori facessero del loro meglio per non ridere.
  • Per ogni Beckenbauer e Cruyff c’e’ Di Stefano, Maradona, Van Basten, Baresi (che non e’ arrivato neanche vicino alla prima squadra), Best e Platini e tanti altri che non erano in grado di allenare. Gli ex giocatori di successo che si sono trasformati in allenatori di prima classe sono altri. Gente che faceva giocare a calcio gli altri come Ancelotti, Guardiola, Conte e Allegri. Ok ok, non tutti dello stesso calibro (da calciatori) ma ho reso l’idea.
  • Guardiola al Barca B aveva vinto tutto. Zidane al Real B ha fatto cagare gestendo malissimo il talentino norvegese dal nome impossibile. Il Justin Bieber dei fiordi.
  • E’ un allenatore voluto dai giocatori. Ti so dire quanto bene funzionera’ in termini di disciplina e gestione delle gerarchie.

Tutto questo per dire che se il real offrisse 40 millioni a gennaio per Morata (cosa da fantascienza) sarebbero da prendere al volo. Io Alvaro lo terrei ma sono convinto che se si mette a giocare bene parte il tormentone alla Pogba: “va, non va”.

Abbiamo veramente bisogno del tizio del Borussia? La mia considerazione e’ semplice. Obiettivamente e’ quasi impossibile che passeremo contro il Bayern e se ci riusciamo e’ perche’ avremo una grande dose di culo sfacciato. Non sara’ un giocatore che gioca in un club inferiore a farci fare il miracolo perche’, per battere Bayern e Barcelona la Juve ha bisogno di un miracolo, per battere il PSG deve fare una grande partita mentre le altre sono inferiori.

Per il mercato di Gennaio, concordo anche io, non c’e’ nulla da riparare, sarebbe bellissimo vendere Hernanes ma neanche gli arabi se lo pigliano. A parte questo, meglio giocare d’anticipo e prendere i giovani italiani per il futuro che verra’.Mandragora sembra promettente.

Sono felice per la Fiorentina, squadra simpatica. Non c’e’ fretta per superarla in classifica. Prima o poi succedera’.

Dai Zaza, resta alla Juve che in Inghilterra hanno la moquette attorno al water e non c’e’ il bide (cit. A. De Laurentiis quando commento’ voci di mercato che volevano Lavezzi in Premier).